Gentile autore,

Se stai leggendo queste righe significa che hai deciso di approfondire la conoscenza dei meccanismi che possono trasformare il tuo manoscritto in un vero libro esposto in libreria.

Preliminarmente occorre ricordare la situazione poco favorevole in cui versa il mercato editoriale italiano:

- molti sono i potenziali scrittori, molti sono gli editori, ma pochi sono i grandi scrittori;

- editori, tipografi, distributori, librai e tutti coloro che intervengono nel percorso di nascita di un libro non sono enti di beneficenza, ognuno di loro lavora anche per il proprio tornaconto;

- il numero dei lettori non è incoraggiante, soprattutto se riferito ai libri editi dai piccoli editori.

Tuttavia la situazione non deve demoralizzare chi crede nel proprio lavoro e pensa di avere qualcosa da dire ai lettori, i quali risponderanno positivamente se il prodotto finale sarà di qualità, e potranno diventare essi stessi un ottimo veicolo pubblicitario.

 

LA NASCITA DEL LIBRO

Quando si completa la stesura del proprio manoscritto si pensa di aver terminato la fatica più grande e si è portati a pensare che tutto il resto sia semplice lavoro amministrativo o di routine da affidare all’editore.

Ciò è vero solo in parte. È fuor di dubbio che scrivere costi fatica, ma è altrettanto indubitabile che l’impegno dell’autore emergente non possa limitarsi alla consegna del manoscritto nelle mani dell’editore: i risultati migliori si ottengono con la collaborazione tra autore emergente ed editore, che insieme devono scegliere le strategie per presentarsi ai lettori, tenendo conto dell’argomento del libro, della linea editoriale seguita dalla casa editrice, dell’interesse che il testo può suscitare nei lettori e della cerchia di parenti e amici che, soprattutto nei primi tempi e al di là dei complimenti di rito, saranno i primi critici ma potranno diventare anche i migliori promotori del nuovo libro.

Il primo passo è quello di creare nell’editore l’interesse per il tuo lavoro.

A tal fine, piuttosto che inviare subito l’intero manoscritto, è opportuno illustrare all’editore il contenuto del libro compilando una sinossi del manoscritto, in modo che l’editore possa valutare in poco tempo se l’argomento dell’opera rientri o meno nelle proprie scelte editoriali.

La sinossi è una specie di riassunto della storia contenuta nel libro: è piuttosto

breve, non contiene dialoghi ed è divisa in capitoli come il libro che sintetizza. Ovviamente la brevità non deve andare a scapito della chiarezza: se la trama di un romanzo è molto complessa una sinossi di cinque pagine può risultare troppo succinta, viceversa, una sinossi lunga quasi quanto il manoscritto è eccessiva. È opportuno un elenco dei personaggi principali con specifica dei ruoli, così come può essere utile un indice dei capitoli o degli argomenti, se si tratta di un saggio.

Se l’editore ha valutato positivamente la sinossi, arriverà il momento di inviare il testo integrale. Noi assicuriamo di leggere tutto il materiale ricevuto, purché rientri nella nostra linea editoriale e non sia palesemente offensivo o diffamatorio; riteniamo che, per comodità di tutti, sia opportuno inviare sinossi e manoscritti in forma elettronica tramite allegato e-mail, così si risparmiano carta, inchiostri e toner; in alternativa è anche possibile spedire un cd per posta al nostro indirizzo e, se proprio non se ne può fare a meno, accettiamo anche il materiale cartaceo. Il manoscritto in forma elettronica deve pervenire in un formato modificabile, quindi non deve essere un documento .pdf, poiché dovranno essere possibili le eventuali correzioni in fase di editing.

Promettiamo comunque di leggere qualsiasi tipo di materiale pervenga al nostro indirizzo.

Visitando i siti delle case editrici più note, difficilmente si trovano sezioni dedicate agli autori emergenti e anche trovando un indirizzo a cui spedire il manoscritto raramente si ottiene un riscontro, al più un messaggio del tipo “In questo momento non accettiamo manoscritti da autori emergenti”. Ciò perché i grandi editori ragionano con logiche imprenditoriali e commerciali, preferendo occuparsi di autori che garantiscono un ritorno sicuro.

Allora perché esistono i piccoli editori? Perché costoro si ostinano a pubblicare opere di autori sconosciuti che non garantiscono guadagni significativi?

Innanzi tutto perché ogni volta si spera di trovare quello giusto, lo scrittore che colpisce il pubblico al primo colpo, e a volte ciò accade; poi perché normalmente un editore è spinto dall’amore per i libri e pubblicare è un ottimo sistema per alimentare la propria passione; e infine, ultimo ma non ultimo, se si è appassionati lettori, seguire le vicende di un libro dalle prime bozze all’uscita in libreria è un’esperienza molto gratificante.

Tuttavia, come detto sopra, un editore non è un ente di beneficenza. Ed eccoci alle dolenti note. Avrai senz’altro già sentito parlare del contributo editoriale. Su alcuni siti internet viene citato espressamente, su altri lo si intuisce tra le righe, in altri ancora non viene richiesto, ma al momento della sottoscrizione del contratto di edizione viene sancito l'obbligo dell'acquisto di un certo numero di copie . Alcuni editori, poi, decidono di volta in volta se è il caso di richiedere un contributo editoriale all’autore, a seconda delle circostanze. Oggi Edizioni della Goccia NON RICHIEDE ALCUN CONTRIBUTO EDITORIALE. A fronte di ciò, cerchiamo di valutare in modo approfondito i manoscritti che ci vengono inviati, leggendoli per intero e giudicandoli secondo il nostro metro di giudizio, che non sempre coincide con quello dell'autore: tuttavia, non è detto che un manoscritto rifiutato da Edizioni della Goccia non possa aver miglior fortuna con un altro editore.

Se si decide di pubblicare il manoscritto, autore ed editore firmano un contratto di edizione, in cui si regolano i rapporti tra i due soggetti, anche per il futuro. Le clausole del contratto vengono decise insieme, e ognuna di esse può essere modificata o migliorata, a seconda delle esigenze dell parti.

Dopo la firma comincia l’editing del manoscritto. È superfluo ribadire che non saranno prese in considerazione opere dal contenuto offensivo o diffamatorio e che l’autore deve assumersi ogni responsabilità sul contenuto dei propri scritti, controllando, se del caso, la veridicità di quanto afferma. Poi l’autore rilegge il testo corretto, approva le correzioni, ne apporta altre se lo ritiene necessario e il manoscritto è pronto per la tipografia. Nel frattempo si è provveduto alla copertina, per la cui composizione si tiene conto anche delle preferenze dell’autore, nel rispetto dei modelli editoriali seguiti dall’editore (ad esempio, se il libro farà parte di una collana dovrà avere le caratteristiche dei volumi di quella collana).

 

LA LIBRERIA

Ora il libro è pronto per arrivare in libreria tramite il lavoro del distributore, che si occupa di rifornire costantemente i negozi e di soddisfare le richieste dei librai.

Per una corretta distribuzione e un’efficace presenza nei negozi è indispensabile che il libro sia dotato del codice ISBN, una serie di numeri che identifica sia l’editore che il libro; grazie al codice ISBN il libro viene inserito nel Catalogo Ufficiale dei libri in commercio e può essere reso reperibile in qualsiasi libreria, anche in quelle non in contatto diretto con l’editore.

Per far conoscere il proprio lavoro, il primo passo è la presentazione, che può avvenire in libreria o altrove. Normalmente la prima presentazione avviene nel luogo d’origine dello scrittore, e qui risulta fondamentale la collaborazione dell’autore, poiché il "battesimo" con il pubblico, anche se composto dai propri concittadini, se ben organizzato costituisce la prima gratificazione per l’autore.

Una buona presentazione invoglia il pubblico a leggere e a parlare del libro ad amici e conoscenti. Inutile nascondersi dietro a un dito: per uno scrittore esordiente il cosiddetto passaparola nella propria zona è il metodo migliore per farsi conoscere.

Naturalmente non vengono trascurate le nuove tecnologie e le possibilità offerte da internet: per questo motivo i nostri libri saranno presenti su diverse librerie online e potranno essere ordinati direttamente sul nostro sito. 

Infine, il libro sarà inviato alle redazioni di quotidiani e periodici predisponendo i necessari comunicati stampa, a partire dalle pubblicazioni locali: un riscontro positivo sul proprio territorio permette di accumulare esperienza e può dare la spinta per affrontare scenari più vasti.

Se sei arrivato a leggere fin qui, probabilmente sei pronto per affrontare la tua prima esperienza editoriale. Potrai anche contattarci telefonicamente per ulteriori chiarimenti o per concordare un incontro di persona; altrimenti, il primo passo che ti consigliamo è quello di inviare una sinossi unita a una breve presentazione della tua persona, per cominciare a conoscerci.

A presto.

 

CI VEDIAMO A

CELLE LIGURE

Il booktrailer di

SENZA NOME E SENZA GLORIA

su YOUTUBE

clicca sull'immagine

 

 

 

 

ATTENZIONE:

IL PROGRAMMA

"DO UT DES"

E' MOMENTANEAMENTE

SOSPESO,

A CAUSA DEL GRANDE

NUMERO DI

MANOSCRITTI

PERVENUTI IN VISIONE.

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Edizioni Della Goccia di Indalezio Davide
Viale Ottavio Marchino 61, 15033 Casale Monferrato (AL)
Partita IVA: 02426920068